Siete in: HOME > Regione Puglia > Taranto > Farmacia

Farmacie aperte di turno a Taranto (TA)

Qui sotto troverai tutte le farmacie aperte per turno nella citta' di Taranto facente parte della regione Puglia. La stagione invernale e' arrivata. Influenza, raffreddori, tosse. Vaccini antinfluenzali disponibili nelle farmacie, Sciroppi, vitamine e fermenti lattici per proteggere il tuo organismo. In farmacia potrai trovare inoltre, farmaci etici, sop, otc, farmaci fitoterapici, rimedi omeopatici, fiori di Bach, prodotti dietetici e integratori alimentari, prodotti per l'infanzia ,prodotti per celiachia anche surgelati, prodotti cosmetici, articoli sanitari, prodotti veterinari. Sapere, in ogni momento della giornata, dove trovare una farmacia aperta, significa poter contare 24h su qualificati professionisti della salute che dispensano, oltre ai farmaci, anche consigli preziosi a chi chiede aiuto, cura e attenzione.

Farmacie aperte a Taranto (TA)

Elenco delle farmacie aperte


Chi crede in Dio e' meno ansioso e reagisce meglio allo stress - Pensiero Scientifico Editore

L'attivita' cerebrale di chi crede in Dio e' differente da quella di un non-credente. Coloro che credono nell'esistenza di un'entita' superiore mostrano livelli d'ansia ridotti, sono meno soggetti a sensi di colpa e reagiscono meglio alle condizioni di stress. A dichiararlo e' uno studio condotto da ricercatori dell'Universita' di Toronto. I ricercatori hanno analizzato l'attivita' cerebrale di un campione di credenti e di atei mentre si sottoponevano al test di Stroop, il noto test cognitivo in cui i soggetti devono dire il nome del colore con cui vengono presentate le parole, cercando di non farsi influenzare dal significato della parola (per esempio, parola: rosso; colore: blu). I loro risultati hanno mostrato che chi crede in Dio ha un'attivita' ridotta a livello della corteccia cingolata anteriore, ovvero quella parte del cervello che si ''accende'' al momento in cui commettiamo un errore, innescando un sentimento di ansia e di senso di colpa. ''Il nostro studio dimostra come la religione abbia un effetto rassicurante sui suoi devoti, che tendono a sentirsi meno ansiosi e meno soggetti a senso di colpa quando commettono errori'', ha dichiarato Michael Inzlicht, autore della ricerca, che sottolinea come tuttavia provare un minor senso di ansia possa essere un'arma a doppio taglio. Il sentimento d'ansia in seguito a un errore puo' condurre infatti alla ricerca di un miglioramento in ogni prestazione, una ricerca che potrebbe venire meno in chi non si pone dubbi. Fonte: Researchers find brain differences between believers and non-believers. University of Toronto; 5 marzo 2009. stefano massarelli